Questa pandemia sta sollevando tanti coperchi. È stata più volte indicata  la perversa relazione con l’ambiente violentato. Si è parlato anche della sordità che  noi stessi ci siamo autoimposti  verso le voci dell’ interiorità.

L’epitaffio che circola in rete sulla generazione che mesta, silenziosa e umile se ne sta andando sotto i colpi del Covid, ci sbatte il muso di fronte  al rapporto, malato, con gli anziani: abbiamo idea di cosa accade nelle cosiddette case di riposo? Siamo consapevoli delle solitudini di vecchi che vivono in casa in compagnia al massimo di una badante? Conosciamo il trascinarsi dei giorni di tanti anziani nell’oblio dei parenti?

Alla vecchiaia questa società sta gradatamente applicando la stessa rimozione che ha riservato alla morte, confinandola nell’osceno.
Abbiamo portato la morte fuori dalla vita moltiplicando le inquietudini che derivano da questa asportazione.
Stiamo operando lo stesso processo con la vecchiaia elevando a potenza quell’inquietudine.

Non vogliamo invecchiare e tantomeno morire. Ma non potendo sopprimere né la vecchia né la morte, le abbiamo espulse dal campo di gioco con una somma finzione di massa. Abbiamo generato la persuasione collettiva che non ci riguardano o addirittura l’illusione che non esistono.Vecchi e morti li abbiamo abbandonati negli ospizi e nei campisanti senza degnarli della misericordia di una visita, di un abbraccio, di un dialogo sia pure con il “cinere muto”.
E invece, vecchiaia e morte, morti e vecchi, fanno parte integrante  dell’esistenza umana.

Lo abbiamo riscoperto con rimorso  in queste atroci fasi dell’epidemia, quando nelle residenze per anziani il Coronavirus ha fatto strage o quando il divieto normativo ci ha impedito di dare l’estremo saluto ai cari estinti senza nemmeno un rito funebre.

Dove era e dove è finito il nostro “ethos” greco-romano e cristiano di  Enea che porta in salvo sulle sue spalle il padre Anchise?

In cambio abbiamo il trionfo del fisico e del botox, la fiera delle vanità e del silicone, la rincorsa spasmodica al wellness e all’estetica, nel miraggio di non invecchiare come tanti anonimi Dorian Gray.

Ma il suo era un patto col diavolo. Il quale ci guarda sornione, sfregandosi le mani e pregustando la conquista a macchia d’olio, ogni istante, di un altro eterno giovane fuggitivo dalle rughe. Quelle rughe che Anna Magnani chiedeva al suo truccatore di non levarle, perché aveva impiegato la vita intera a conquistarle e le erano costate care una ad una.

5 COMMENTI

  1. Carissimo Dino
    ho letto con attenzione il tuo scritto che trovo interessante, attuale e condivisibile. Il problema degli anziani è un problema mai risolto ed oggi ancor più con la disgregazione delle famiglie e la mancanza di certi valori che io definisco pilastri fondamentali, quali appunto la famiglia, la scuola , la fede , gli anziani sono stati in gran parte abbandonati dai figli e spesso emarginati.Nemmeno lo Stato se ne prende cura in maniera responsabile e da qui le incongruenze che sono sotto gli occhi di tutti e alle quali assistiamo impotenti ma anche con responsabilità morali. Grazie di avermi inviato questo tuo significativo scritto e mi se.to morslmente “colpevole” ma allo stesso tempo impotente ed assistere ai massacri di tanti anziani che invece andrebbeto curati meglio, perché essi sono le nostre radici i nostri affetti la
    nostra cultura .Un abbraccione e complimenti di cuore.
    Aldo Spina

  2. In una società’ edonistica, consumistica e basata esclusivamente sul.profitto (basterebbe la vicenda dell’ILVA Bagnoli a spiegare tutto….) non ci può’ e non ci potrà’ essere mai posto e considerazione per gli anziani. Cioè’ per coloro che ci hanno dato la vita, hanno salvato l’Italia combattendo in guerra e ci hanno consentito di essere quello che noi siamo oggi. Se al primo.posto ci sarà’ sempre e solo il danaro (cibo diaboli) l’uomo non so salvera’

RISPONDI

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome qui